Itinerario: dettaglio


10 gennaio 2014

OPLONTIS, POMPEI E VESUVIO

Tour fino ad un massimo di 4 persone
DESCRIZIONE
L’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. sommerse di lava tutte le cittadine vesuviane. Gli scavi di Oplontis rappresentano il Parco Archeologico di Torre Annunziata: un centro residenziale per famiglie e personaggi di altissimo rango, sepolto dall'eruzione del Vesuvio del 79 d.C.. Scavi e ricerche archeologiche hanno portato al recupero di gioielli di grande pregio e finissima fattura, che, insieme con quelli venuti alla luce a Pompei ed Ercolano, formano una collezione unica di valore inestimabile e testimoniano l'esistenza di una autentica scuola orafa. Di grandissimo interesse è la Villa di Poppea, moglie di Nerone, conservatasi in ottimo stato e che, al momento dell'eruzione, era disabitata per i danni riportati nel terremoto dell' anno ‘63. Se, per tale motivo, mancano suppellettili d'ogni genere, ricchissimi sono gli affreschi e ampi e lussuosi gli ambienti: ingresso, peristilio, complesso termale, sala di ricevimento, giardino, stanze padronali e locali destinati alla servitù, portico, larario ed infine una grande piscina. Il destino di Pompei è inesorabilmente legato a quello del Vesuvio. Ogni volta che si parla di Pompei la mente è quasi costretta a ricordare il vulcano che nel 79 D.C. ne decretò, con una violenta eruzione, la fine. Tanto celebri quanto drammatici sono i racconti dei giorni dell’eruzione che lo scrittore latino Plinio il giovane inviò a Tacito per narrargli la morte dello zio, Plinio il vecchio avvenuta proprio durante quell’eruzione. Dopo il disastro, Pompei rimase sepolta sotto un fitto strato di ceneri e lapilli di oltre sei metri che se da un lato la soffocò mortalmente dall’altro l’ha consegnata alla storia come uno dei luoghi archeologici più famosi e suggestivi che l’uomo conosca. La passeggiata lungo i Decumani e le Insule lastricate con le originarie pietre è quanto di più meraviglioso e suggestivo un uomo possa fare. I templi, i fori, le case, le ville, le vie, gli anfiteatri e i teatri romani rapiscono il visitatore, trasportandolo in un immaginifico viaggio nel tempo. Il Vesuvio è senz’altro il vulcano più famoso e pericoloso del mondo. Eppure non è il più alto ma sicuramente il più monitorato (insieme a tutti i vulcani dell’area flegrea e Ischia). La storia lo lega indissolubilmente alla distruzione di Pompei e di Ercolano e di tutte le cittadine dell’area vesuviana come Stabia e Oplontis. Il Vesuvio è l’unico vulcano attivo dell’Europa continentale e la sua sagoma incute curiosità e timore in tutti coloro che vivono alle sue falde oppure solo passeggiano al suo cospetto. Certo è che lo scenario del Golfo di Napoli che vede il Vesuvio dominare il mare è probabilmente tra gli spettacoli naturali più belli del nostro pianeta. La salita al cratere oltrechè un momento di vero trekking è la scalata alla storia di un vulcano che con la forza della distruzione si è guadagnato il rispetto delle popolazioni locali e delle genti di passaggio.
DETTAGLI
La partenza e l’arrivo del tour sono in hotel.
La partenza del tour è prevista alle 9 a.m. circa.
Il tour ha una durata di circa 6/8 ore.
Si visiteranno: Oplontis, Pompei e Vesuvio
Il tempo di permanenza in ogni località è stabilito in base alla notorietà e la grandezza del sito da visitare. Sarà possibile tuttavia definire periodi di permanenza diversa previo accordi diretti con la guida o l’autista.
Il prezzo non comprende i ticket di ingresso ai monumenti.
Il prezzo non comprende il pranzo.
Si consigliano: scarpe comode, cappello e occhiali da sole nei periodi primaverili ed estivi. Non deve mancare una bottiglia di acqua al seguito.
Prezzo a tour fino a 4 persone
itinerario

Richiedi disponibilità

Indietro

Belle Arti Resort | Via S. Maria di Costantinopoli, 27 | 80138 Napoli, ItaliaTel./Fax 0039.081.5571062 | P. IVA 06136421218 | info@belleartiresort.com